Loader Frigel
Plastica | 27/09/2021

Frigel per Giflor: una produzione sostenibile e responsabile

Giflor sceglie il sistema di raffreddamento Ecodry System per un continuo processo produttivo sostenibile dei tappi in plastica stampati ad iniezione.

L’AZIENDA

Giflor è produttore di tappi in plastica stampati ad iniezione riconosciuta a livello internazionale. Ha ricevuto numerosi premi in termini di estetica, qualità e varietà di prodotti.

Consumatori ed addetti ai lavori la identificano come impresa responsabile, vista l’attenzione che rivolge all’ambiente attraverso un processo produttivo sostenibile.

Giflor è a tutti gli effetti un simbolo dell’eccellenza Made in Italy. I suoi sistemi di chiusura brevettati sono utilizzati da marchi leader nei settori della cosmetica, igiene personale, alimentare e parafarmaceutica.

Fondata nel 1973 da Giuseppe Fracasso, l'azienda è cresciuta costantemente nel tempo grazie a passione e dedizione, oltre che alla capacità di innovare con stile italiano in un mercato chiave come quello dei tappi in plastica.

GLI OBIETTIVI:

Giflor ha deciso di commissionare a Frigel la sostituzione dell’attuale impianto di refrigerazione,
dedicato ad un parco presse di 31 unità, composto da tradizionali gruppi frigoriferi centralizzati
e torri evaporative operanti su un doppio circuito idraulico.

Lo scopo era quello di raggiungere i seguenti obiettivi:

  • Ridurre i costi di esercizio in termini di consumi energetici, acqua e di manutenzione
  • Ottimizzare la produzione in termini di quantità e qualità

In particolare:

  • Sostituire gli attuali gruppi frigoriferi che raffreddano gli stampi con unica temperatura di esercizio ed operanti in un
    sistema pressurizzato
  • Sostituire la torre evaporativa che raffredda le macchine con notevoli consumi di acqua e costosa manutenzione

IL PROGETTO E LA SOLUZIONE

Frigel ha proposto un sistema di raffreddamento ECODRYSYSTEM composto da:

  • Raffreddatore Adiabatico auto drenante funzionante senza antigelo ECODRY serie 3DK
  • Termorefrigeratori condensati ad acqua in versione doppia zona per ogni singolo stampo MICROGEL serie RCD
  • Sistema di supervisione MiND

 

 

 

 

 

Giflor ha scelto tale sistema di raffreddamento sulla base dei seguenti punti:

  • Ottimizzazione della produzione con una notevole riduzione del tempo di ciclo medio di circa -10%, dopo una prova in campo con un MICROGEL serie RCD Digital
  • Risparmio di energia elettrica, riduzione dei consumi di acqua e dei costi di manutenzione utilizzando il Sistema Adiabatico ECODRY in alternativa al sistema centralizzato esistente. Abbiamo infatti ottenuto un risparmio di energia elettrica di circa il 20% ed una riduzione dei consumi di acqua del 95%
  • La necessità di avere un impianto completamente gestito da un sistema di supervisione per effettuare una teleassistenza e nel contempo per avere i requisiti richiesti dall’industria 4.0 (MiND)

 

 

 

 

 

.

Vuoi maggiori informazioni

Contattaci

Articoli correlati

Ti potrebbe interessare anche

Plastica | 27/07/2021
Frigel @Fakuma 2021
Fiera internazionale per la lavorazione delle materie plastiche
Frigel @Data Center World 2021 - Rivoluzione digitale
Potenziare i data center attraverso design e tecnologie innovative
Plastica | 17/06/2021
Eccellenza italiana nello stampaggio ad iniezione di prodotti plastici
Eccellenza italiana nello stampaggio ad iniezione di prodotti plastici. Viene ottenuta grazie alla cura e professionalità espressa da Ocsa nella progettazione e costruzione degli stampi ed al relativo condizionamento tramite il sistema di raffreddamento Ecodrysystem.

Soluzioni personalizzate per il tuo business

Contattaci subito

*campi obbligatori

Dichiaro di aver letto e compreso la privacy policy
Letta e compresa la privacy policy, richiedo di ricevere la vostra newsletter
Want more info about intelligent
process cooling?

Ruota il device per visualizzare al meglio il sito

Frigel SpA

Questo sito utilizza tecnologie più recenti per garantirti un'esperienza di utilizzo semplice e funzionale.
Per visualizzarlo scarica e installa un browser più recente per esempio
Google Chrome, Mozilla Firefox o Microsoft Edge

Link copiato negli appunti